Translate

mercoledì 22 maggio 2013

ho toccato il cielo con un dito

Ieri sera ho toccato il cielo con un dito...

Ero stanca,  distrutta dalla giornata, ma avevo promesso di andare a vedere l'allenamento della mia amica S. 
Non ho solo guardato l'allenamento. Ho fatto il mio primo mezzo allenamento! 
Quando sono tornata a casa piangevo, le lacrime esprimevano la mia felicità,  la mia emozione.
Ho iniziato con titubanza....il mio primo bager faceva paura, il secondo pure...per non parlare dei pallegi. Poi ho preso di nuovo confidenza con il pallone, e il panico è svanito.
Ora ho le braccia gonfie che mi fanno male, le dita delle mani pure, i capillari dei polsi rotti...ma cosa mi importa? Sono stata contenta, mi sono sfogata, è stata una sorta di medicina perché per tutto il tempo non ho pensato al cibo, alla malattia, al bruciare calorie...il rapporto che c'è stato tra me e la pallavolo ieri sera era puro dai pensieri malsani.
Devo ringraziare moltissimo S. Per la sua immensa pazienza...erano cinque volte o sei che le davo buca;  ma lei con determinazione ha continuato a provare a trascinarmi in palestra e ce l ' ha fatta finalmente. 
Martedi prossimo sono di nuovo invitata dall'allenatore a passare la serata con loro e con la pallavolo; e io ci sarò. 
Ragazzi sono così contenta che nemmeno voi immaginate.
Adesso sono stanca Sì,  distrutta anche dal lavoro...ma io dico che ne vale la pena.
La pallavolo è nel mio sangue, non ne posso fare a meno, è come una droga.

17 commenti:

  1. Risposte
    1. A volte qualcosa di positivo ci vuole :)

      Elimina
  2. Io penso che sia proprio questo che vuol dire percorrere un percorso di ricovero: trovare delle cose che riempiano positivamente la nostra vita, e che non abbiano niente a che vedere col dca. Solo così ci si può allontanare da quello che ci fa stare male, e riempire il vuoto che il dca ci lascia con tante cose positive e divertenti, che poi sono quelle che rendono veramente bella la vita.
    Continua così, Pulce, forza!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si percorrere la strada del ricovero vuol dire proprio questo, e io l ho capito solo adesso...la pallavolo, quella sera, mi ha lasciata piena, piena di emozioni, e ha eliminato anche la stanchezza.
      Un abbraccio forte!

      Elimina
  3. Sono super contenta per te... Ti meriti un po' di felicità, è la giusta ricompensa per i tuoi sforzi & progressi <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro <3
      Hai ragione...blogger ti impedisce di studiare, è come una droga ;)

      Elimina
  4. Sono contenta che ti sei divertita così tanto, visto? Hai fatto benissimo ad andarci :)
    Anch'io 3 anni fa giocavo a pallavolo, ho praticato questo sport per 4 anni ma poi ho capito che non faceva per me e l'ho abbandonata.. ma mi fa piacere sapere che per te è così importante :)
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte si provano sport nn adatti a a noi. Anche io nuoto l ho praticato per quattro anni e poi ho capito che non era uno sport adatto a me, allora mi sono dedicata solo più alla pallavolo...io l ho praticata per 11 anni pensa!
      Un abbraccio forte

      Elimina
  5. Che bello leggere questo post, ti capisco, io ho fatto karate per 4 anni e ho dovuto smettere per la malattia, mi hai fatto venire voglia di ricominciare... é bello fare uno sport libera dalle ossessioni.. un bacione <3 Tali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arriverà il momento di ricominciare...ti sentirai forte e capirai che invece di bruciare calorie, lo sport è anche un piacere...ricomincia appena ti senti, penso ti possa aiutare molto!
      Un abbraccio Tali
      Pulce♡

      Elimina
  6. Bellissimo post!
    Sono felice che tu abbia trovato la gioia e la passione in questa serata.
    Fare le cose che ci piacciono davvero ci permette di allontanare la tensione e i cattivi pensieri.
    La malattia è un ossessione, la pallavolo (e chissà quali altre cose) ne sono la medicina!
    Ti stai prendendo cura di te nel migliore dei modi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille...ad un certo punto lo sport ritorna ad essere un piacere e non un' ossessione...grazie. sto cercando di fare il possibile.
      Un abbraccio ;)

      Elimina
  7. Dio mio ho pianto anche io leggendo.
    Ho amato la pallavolo per tanto tanto tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riprenditi la tua vita Piccola G. Non conosco la tua situazione....
      Puoi ritornare ad amare la pallavolo. Io ne ero terrorizzata perché la collegavo solo più ai sintomi della malattia.
      Ti stringo forte

      Elimina
  8. Sei una cucciola dolcissima...bello questo post<3

    RispondiElimina